Una luce nel buio


     Per permettere l’esecuzione dei lavori di impermeabilizzazione della chiesa parrocchiale – da poco conclusi – è stato necessario rimuovere la croce lignea appesa alla facciata. Ma ... ahimè ... il passare del tempo e le intemperie avevano gravemente deteriorato il legno che in alcune parti risultava ormai già consumato o marcito. Si è provveduto così a sostituire la croce con una nuova, realizzata in legno di rovere (più resistente della precedente) e protetta con lamiera di rame nei lati superiori.
 

     ... E perché non cogliere l’occasione per arricchire ulteriormente questo importante simbolo della nostra fede? Così, grazie ai tecnici che stanno realizzando l'illuminazione del nuovo Battistero, l’idea ha preso corpo e si è concretizzata, apponendo sul retro della croce delle strisce a led che riflettono la luce sul muro e la diffondono ai contorni della croce stessa. Bello!

     Ogni giorno la luce della croce verrà accesa dall’imbrunire fino a tarda sera.

     Ricordo quando alcuni anni fa sentii il cappellano del policlinico di B.go Roma a Verona dire al parroco di Cadidavid: “Dalle finestre dell’ospedale alla sera si vede il vostro campanile illuminato. Molti malati si fermano alla finestra a guardarlo: è un richiamo alla fede, un segno di speranza e per loro un piccolo conforto”. Spesso siamo distratti e nemmeno ci accorgiamo dei segni che ci circondano, ma a volte basta poco! 

     La croce luminosa sia un segnale più forte della presenza della chiesa tra le nostre case; sia un richiamo al luogo sacro quando la sera passiamo per la strada; nei brevi pomeriggi invernali sia un segno che prolunga la nostra giornata; sia l'immagine che dopo la croce c’è sempre la luce, la Pasqua; sia quella luce che indica l’unica vera direzione quando intorno c’è il buio.




 

Cerca

Calendario

<< Dicembre 2018 >> 
 Do  Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Liturgia di oggi

Liturgia di domani